documento-privacyNuovo Regolamento Privacy UE

Il 24 maggio 2016 è entrato in vigore il nuovo regolamento europeo in materia di protezione di dati personali (regolamento 2016/679), che troverà effettiva applicazioni negli stati solo alla data del 25 maggio 2018. Entro quella data tutte le imprese e pubbliche amministrazioni dovranno adeguarsi alle nuove regole.
Regole che rispecchiano le nuove esigenze tecnologiche: l’utilizzo di internet, delle applicazioni e dei social media, regole che garantiscono maggiori tutele per i cittadini e le imprese, che affrontano temi innovativi come il diritto all’oblio, alla portabilità dei dati, il diritto di essere informati sul trattamento dei dati e sulla violazione di essi.
Il nuovo pacchetto privacy stabilisce criteri che da una parte responsabilizzano maggiormente imprese ed enti e, dall’altra introduce numerose semplificazioni e sgravi dagli adempimenti per chi rispetta le regole.

In attesa di ulteriori disposizioni pratiche sull’applicazione del nuovo Regolamento UE, l’Arnet continuerà a fornire il servizio di stesura del Testo Unico sulla Privacy – Allegato B, che rimarrà in essere fino al 25/05/2018.

Documento Privacy - Allegato B

La legge 4 Aprile 2012 n.35 ha abolito il DPS “formale” che è sempre stato previsto dalla normativa D.lgs 196/03 per il trattamento dei dati. Tuttavia l'abolizione del DPS non ha cambiato la sostanza della normativa stessa che ha mantenuto l’obbligatorietà di adottare delle misure minime di sicurezza (Allegato B) e la necessità di redigere annualmente un disciplinare tecnico.
Occorre quindi continuare ad osservare tutti i principi fondamentali stabiliti dal D.lgs 196/03, considerando anche che un aggiornamento annuale del documento privacy agevolerà l'impresa ad essere pronta all'arrivo delle nuove regole che verranno introdotte dall'Unione Europea.
Sono tenuti a rispettare la normativa tutti coloro che possiedono una partita Iva (liberi professionisti, imprese, commercianti, artigiani, associazioni e società). Tale documento è obbligatorio sia per coloro che trattano i dati con i mezzi informatici, sia per coloro che hanno archivi solamente cartacei, è infatti fondamentale mettere in sicurezza ogni database contenente i dati dei clienti, dei fornitori e degli stessi dipendenti.
Il titolare del trattamento è obbligato ad adottare misure di sicurezza idonee a ridurre al minimo i rischi di distruzione, perdita, accesso non autorizzato o trattamento dei dati personali non consentito o non conforme alle finalità della raccolta (articolo 31 del Codice), in particolare deve adottare misure minime di sicurezza (articolo 33 del Codice e Allegato B al Codice) volte ad assicurare un livello minimo di protezione dei dati sensibili.

 

La Nostra Proposta


- Disciplinare Tecnico
- Misure minime di Sicurezza (Allegato B)
- Regolamento per la Sicurezza
- Misure Privacy e Videosorveglianza

Richiesta Preventivo

Richiedi un preventivo per la redazione del Documento Privacy, ti assisteremo anche nella compilazione del questionario tecnico.

Modulo di Richiesta

Contattaci